gabriele

A PREDAPPIO TRIONFA OTTAVIANI. Al termine di tre prove divertenti ed entusiasmanti per incertezza ed equilibrio, Enrico Ottaviani su Lancia Delta S4 Proservice si aggiudica la prima edizione della Predappio Legend. Il pilota di Roncofreddo bissa il successo del Rally Città di Forlì conquistando anche il Trofeo “Ilario Bandini”. Il vincitore ha preceduto di 49 centesimi Daniele Ravaioli, fuori categoria con la sua monoposto prototipo VST3. Completa la tripletta di piloti romagnoli – Arturo Alessandrini su Osella PA9 motorizzata Honda, giunta con 6 secondi e 13 centesimi di ritardo.

Enrico Ottaviani è stato l’unico a scendere sotto i 160 punti nel ranking finale (il suo tempo migliore è stato quello della seconda manche, e così anche per gli altri due), cioè solo lui ha completato il percorso in meno di due minuti e quaranta, anche se come abbiamo visto Ravaioli gli è arrivato vicino. Che la lotta sarebbe stata tra i due “primattori” lo si è intuito da sabato, quando nelle prove libere cronometrate Ottaviani e Ravaioli si sono contesi il miglior tempo e Enrico ha anche rischiato di uscire (come ha postato lui stesso sul web “mi sono giocato un bel jolly”…). Bravo comunque anche Alessandrini per aver colto lo skretch sul passaggio finale. Proseguendo a scorrere la graduatoria,troviamo sul terzo gradino del podio la Fiat Punto 4×4 GTI di Natale Casalboni, seguita dalla Subaru Impreza STI R4 di Eros Lanzi, quest’ultimo distanziato dal vertice di oltre 15 punti. E’ invece giunto al settimo posto Gianluca Casadei con la Ford Focus WRC, alle prese con vari problemi meccanici prima all’accelerazione poi all’idroguida.La giornata ha avuto la benedizione – per così dire – di un meteo favorevole, dopo che il maltempo ampiamente paventato si è invece esaurito nella nottata, trascorsa con un forte temporale. Sui 18 tornanti del bellissimo percorso, i concorrenti hanno potuto invece dar libero sfogo, sia sabato nelle prove cronometrate che domenica in gara, alla loro passione e spremere il meglio dalle rispettive vetture.

Numeri certo non grandissimi, ma una vasta rappresentanza della storia delle quattro ruote: a partire dalle 2 Bandini (una “Saponetta” 750 e una Formula Junior), passando per Lancia, Porsche, Alfa Romeo, Chevrolet, Zagato, Renault, Osella, BMW, Mini ecc. Un profondo senso di tristezza ha velato la domenica di ogni appassionato per quanto è accaduto al Rally Città di Lucca e per la scomparsa di Valerio Catelani e Daniela “Gazzè” Bertoneri, ai quali va anche da Predappio il cordoglio di tutti.

UN GRANDE EVENTO PER TUTTI: Fin qui la cronaca. Ma ci sono delle considerazioni che non possiamo esimerci dal fare a manifestazione conclusa: come volevano gli organizzatori, la gara è stata per tutti una festa di sport e un intenso week end di passione motoristica: la possibilità di correre praticamente per chiunque, i numerosissimi riferimenti alla storia di una manifestazione che ha compiuto 100 anni, l’intitolazione a Ilario Bandini nel ventennale della sua scomparsa (e l’evento è stato nobilitato dalla presenza dei discendenti Dino Bandini e Michele Orsi) fanno sì che si possa definire la prima Predappio Legend come un esperimento da cercare in ogni modo di ripetere.

Anche col suo corollario di eventi collaterali, come lo spettacolo dei migliori drifters italiani che ha accompagnato gli intervalli fra le manches, e pure le iniziative che coi motori avevano ben poco a che fare, tipo le degustazioni di prodotti tipici o lo spettacolo musicale di sabato sera (quello sì, interrotto dagli scrosci di pioggia). L’idea di mettere insieme varie forme di show in un mix che possa interessare un pubblico eterogeneo è da valutare positivamente. E’ più che altro, questo, un appello da rivolgere ad organizzatori e sponsor, e a tutti coloro che – Come ACI provinciale di Forlì-Cesena, i main sponsor Valvoline e W.Erre oltre naturalmente a Proservice – hanno creduto nel recupero di questa tradizione cercando di immaginarle un futuro.

Era molto bello il colpo d’occhio del Valvoline Village al Foro Boario, il “salotto buono” della città che ha ospitato tutte le vetture e che è stato visitato fra gli altri dal Sindaco Giorgio Frassineti, il quale si è concesso il lusso di un breve tour del paese sulla Saponetta Bandini.UN EVENTO PREMIATO DAL PUBBLICO: Faccia riflettere soprattutto il folto pubblico che ha popolato il percorso, consentendo fra l’altro un buon esito anche all’iniziativa di solidarietà legata all’evento, la raccolta di fondi a favore dell’IRST, l’Istituto Romagnolo di Ricerca e Cura dei Tumori, cui andrà in beneficenza parte del ricavato dalla vendita dei biglietti. Per tutte queste ragioni c’è da auspicare di aver visto oggi la nascita di un appuntamento fisso, in una location bella e prestigiosa, con una degna cornice di spettatori e un’offerta d spettacolo varia e completa.

INFO / CONTATTI:
Prosevent srl Segreteria tel.             0547-347345       info@proservice.fc.it
Presidente Gabriele Casadei             333-8389615       gabry@proservice.fc.it
Ufficio Stampa – Gianni Verdi             334-6520531       gianniverdi@libero.it

Prosevent srl – Addetto Stampa Gianni Verdi – 334-6520531 gianniverdi@libero.it

27 luglio 2012
podio-predappio

Predappio Legend: il trofeo Ilario Bandini

A PREDAPPIO TRIONFA OTTAVIANI. Al termine di tre prove divertenti ed entusiasmanti per incertezza ed equilibrio, Enrico Ottaviani su Lancia Delta S4 Proservice si aggiudica la […]
18 luglio 2012
conf-stampa-predappio

Predappio Legend presentato alla stampa

Nel Week End si attende un grande evento, spettacolo per tutti a 360 gradi. Si è tenuta presso la Sala Consiliare del Comune di Predappio la […]
14 luglio 2012
predappio-1-pro

Predappio Legend: martedì 17 luglio la presentazione alla stampa

Si svolgerà martedi 17 luglio alle ore 11, presso la Sala Consiliare del Comune di Predappio, la conferenza stampa di presentazione della prima edizione della “Predappio […]
12 luglio 2012
bandini-expo

A Predappio col mito Bandini

La famiglia di Ilario aderisce con entusiasmo all’iniziativa Prosevent Una presenza fondamentale alla Predappio Legend, e ancor più gradita in quanto non ancora annunciata, è quella […]