gabriele

Una partecipazione sfortunata ma un’esperienza indimenticabile, e un’ottima premessa per il futuro. Questo in sintesi il racconto di Andrea Fesani, centauro dell’Italian Dakar Team, appena rientrato dal Sudamerica. “Ovviamente per prima cosa mi sono subito ammalato”, scherza Fesani, “Perché le temperature di questi giorni non sono proprio le stesse tra qua e laggiù. Che dire della mia Dakar? Che è stata una grande esperienza, sento di aver avuto sfortuna per come ho dovuto abbandonarla, ma penso anche di aver individuato molti punti di forza dai quali ripartire per il futuro”.

Iniziamo allora dalla fine della tua gara: cosa ha causato il tuo forzato abbandono? “Stavo attraversando la zona del Fiambalà, c’era un caldo terribile e molti arbusti secchi prendevano fuoco, per autocombustione. Uno di questi arbusti mi è rimasto attaccato alla moto e si è incendiato, in pochi istanti le fiamme hanno bruciato il tubo della benzina. E’ una cosa abbastanza comune, la sfortuna è stata che proprio il tubo del carburante ha preso fuoco. Questione di alcuni secondi e si sono levate fiamme alte mezzo metro, non ho potuto far altro che abbandonare il mezzo più in fretta possibile, perché sono esplosi i serbatoi, e poi tutto il resto è stato divorato dalle fiamme. Ho visto la scena da qualche decina di metri di distanza, senza poter fare niente”.

Come stava andando la gara fino a quel momento? “Procedeva tutto come previsto, e tra l’altro ero pronto per attaccare nella parte con il fondo sabbioso, la superficie dove ho più esperienza e avrei potuto salire diverse posizioni. Per la verità lo stavo già facendo, perché nella tappa dove anche il mio compagno di squadra Filippo Ciotti ha perso terreno ero riuscito a trovare una pista che consentiva di guadagnare tempo. Dopo il mio incidente molti altri hanno seguito quel passaggio. Diciamo che fino a quel momento avevo amministrato le energie, e che mi preparavo ad attaccare con buone attese anche per le tappe a venire”.

Anche la moto si stava comportando egregiamente,no? “Sì, la moto ha dimostrato di essere veloce e affidabile, un particolare del resto confermato anche dalla ottima gara di Filippo, che è arrivato al traguardo per il secondo anno consecutivo su due partecipazioni. L’incidente è dovuto solamente alla sfortuna”.

I soccorsi sono stati tempestivi ed efficienti? “Assolutamente sì. Dodici minuti dopo l’incidente ero già stato prelevato dall’elicottero. Potevo vedere da lassù molti altri arbusti che bruciavano, incastrandosi alle moto, magari in punti che non hanno causato il ritiro. Pazienza, il fato ha voluto così, non mi resta che pensare a come rifarmi in futuro”.

Vuoi dire che stai già pensando alla Dakar 2013? “E’ inevitabile, all’indomani di un’esperienza così. Col ricordo fresco di emozioni e sensazioni viene naturale pensare a dei correttivi. Per esempio il prossimo anno voglio curare maggiormente gli aspetti del team, tutto quello che non è gara ma che ruota intorno alla competizione. I primi giorni è l’entusiasmo a spingerti, l’adrenalina è impareggiabile; poi quando la fatica inizia a farsi sentire e la strada è ancora lunga solo una struttura che ti consente di recuperare a dovere le energie permette di fare la differenza. Credo che lavorando di più su questo aspetto i risultati saranno evidenti”.Sei sicuro?“Non vedo l’ora di dimostrarlo sul campo, nella prossima Dakar, con l’aiuto di tutti coloro che mi hanno sostenuto quest’anno sono certo che ce la faremo”.

Prosevent srl – Addetto Stampa Gianni Verdi (347-5383497) gianniverdi@libero.it

24 gennaio 2012
dakar2012

Dakar 2012, il racconto di Fesani dopo il ritiro nella quinta tappa

Una partecipazione sfortunata ma un’esperienza indimenticabile, e un’ottima premessa per il futuro. Questo in sintesi il racconto di Andrea Fesani, centauro dell’Italian Dakar Team, appena rientrato […]
15 dicembre 2011
ms2011

Un Motor Show da Prosevent

Sport, promozione e spettacolo per i colori gialloblù nella Mobil 1 Arena Gabriele Casadei nel trofeo WRC Italia al Motor Show di Bologna si ferma ai […]
11 dicembre 2011
motorsh-1

Prosevent al Motor Show 2011

Prosevent torna al Motor Show di Bologna, con un impegno poliedrico che vuol coniugare sport e spettacolo, comunicazione e promozione d’impresa. Come succede ormai da 15 […]
28 ottobre 2011

Archivio Comunicati Precedenti

  DAKAR, FINALMENTE LIMA… DAKAR, OGGI PENULTIMA TAPPA PER CIOTTI DAKAR, CIOTTI SI MIGLIORA ANCORA, NUOVO DOPPIO BALZO IN CLASSIFICA CIOTTI, UN FULMINE ALLA PARIGI – […]